FIAB Arona: Bicicletta, politiche insufficienti

FiabArona_logo

lunedì 26 giugno 2017 – Comunicato stampa FIAB Arona
FIAB-Arona ritiene insufficienti le politiche dell’amministrazione comunale nei confronti della bicicletta, intesa come mezzo di trasporto, attività sportiva, diletto.
La mancanza di piste ciclabili è doppiamente grave per una città come Arona che ha le giuste dimensioni per favorire l’uso della bicicletta per i residenti (non solo sul lungolago) ed esprime una vocazione turistica rivolta specialmente al nord Europa, dove la bicicletta è intesa come mezzo di trasporto al pari dell’automobile.
Per mantenere una capacità attrattiva verso questo turismo consapevole ed ecologico è necessario allineare Arona ad altre realtà italiane e straniere che hanno saputo realizzare negli ultimi anni una rete capillare di strade protette per i ciclisti.
Nello specifico si nota che questa amministrazione presenta di volta in volta, pezzetti di ciclabili, senza dare mai un progetto globale, continuo e pratico.
La pista ciclabile presentata nell’ultimo consiglio comunale, sarà usufruibile ad intermittenza, essendo progettata in zona mercato.
FIAB-Arona, chiede se è mai stato fatto un conteggio di quanti ciclisti transitano da Arona, prima di fare i progetti delle ciclabili e se è stata presa in considerazione una via preferenziale per i ciclisti sportivi.
FIAB-Arona inoltre registra un’insufficiente numero di rastrelliere come si evince dalle numerose biciclette parcheggiate senza sostegno o protezione nei pressi di Piazzale Aldo Moro (in giorni di mercato) e l’assenza in luoghi nevralgici come il piazzale davanti alla navigazione, gli uffici postali, l’ingresso dell’area pedonale (corso Cavour) e ovunque ci sia un parcheggio per disabili, dovrebbe esserci anche un parcheggio per le bici.
La mancanza di moduli adibiti limita la possibilità di parcheggio dei mezzi in maniera ordinata e sicura.
FIAB-Arona considera infine l’estensione delle zone con limite 30 km orari un progetto non più rinviabile, ed anzi auspicabile in tempi brevi per aumentare la sicurezza, non solo dei ciclisti, ma anche dei pedoni ed in particolare dei bambini e degli anziani che più sono minacciati dalla velocità delle automobili (visto anche il numero di incidenti mortali degli ultimi mesi).
Per le ragioni sopracitate FIAB-Arona chiede, dal 10 maggio, giorno dell’insediamento del nuovo comandante dei vigili, un incontro con la comandante Quatraro e l’assessore Polo Friz.

Loretta Landoni
Referente di FIAB Arona sezione di FIAB Novara

 

Lascia un commento

commenti