Ex Macello, maggioranza a 2 facce

mercoledì 15 settembre 2021 – ore 18.30, Sala Vesco – Comune di Arona 
Martedì 15 settembre alle ore 18.30, la consigliera comunale di minoranza Carla Torelli con Fausto Ferrara coordinatore locale di Italia Viva ha tenuto presso la Sala Vesco del comune di Arona, una conferenza stampa per illustrate le proprie posizioni riguardo al voto contrario all’ultimo consiglio comunale del 13 settembre sull’intervento di riqualificazione dell’area ex Macello di via Trieste per la ristrutturazione come sede di mostre. Di seguito il comunicato stampa della conferenza stampa. Al termine il coordinatore interpellato sull’episodio della bestemmia all’ultimo consiglio comunale dichiara: «noi siamo fiduciosi che il presidente del consiglio che è a capo di un ordine istituzionale si adopererà e prenderà iniziativa idonea a salvaguardare il consiglio comunale».

Nel Consiglio Comunale dell’agosto 2020 si delibera di accettare la donazione della famiglia Usellini di 365 opere per un valore di Euro 931.200 come da valutazione resa dal donante.
La raccolta di opere, costituita da stampe e sculture appartenenti alla famiglia, verrà esposta nell’area ex macello, nell’edificio di proprietà del Comune che verrà ristrutturato.
Una dichiarazione a verbale dell’allora Sindaco precisa che non ci sarebbero stati costi per i cittadini se non per una quota del 20% mentre l’80% proveniva dalla Fondazione Cariplo. Non è dato sapere la cifra e neppure i costi di gestione. Tale progetto è stato l’unico ad essere inserito nel Recovey Fund, ma senza successo.
Nell’ultimo Consiglio Comunale del 13/9, l’allora Sindaco ed oggi Vice, non ricordando quanto dichiarato (parole sue) annuncia il finanziamento Cariplo per 900 mila euro e chiede l’approvazione di uno storno di bilancio per 970 mila euro, il famoso 20% diventato più del 50%, sempre assenti le previsioni di spesa per la gestione. Il futuro è ancora molto vago, non si sa se e come funzionerà, esiste poi il vincolo trentennale per le opere, quanto costerà mantenerle in buono stato per un tempo così lungo, come si possono impegnare in questo modo le Amministrazioni future?
La consigliera Torelli ha espresso voto contrario, che non è un voto contro la ristrutturazione di un’area dismessa o contro la cultura, ma contro lo spreco di denaro pubblico.