Conferimento cittadinanza onoraria a Sami Modiano

lunedì 11 gennaio 2021 – Comunicato stampa Comune di Arona prot. 1172 del 11/01/2021 
In data 5 gennaio 2021 è pervenuta al comune di Arona, da parte delle Consulta Provinciale degli Studenti di Novara, di cui fanno parte anche rappresentanti dell’Istituto Fermi di Arona, la proposta di conferire la “cittadinanza onoraria” a Sami Modiano, uno dei pochissimi bambini che uscirono vivi dal campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau e che dal 2005 si dedica a far conoscere la sua terribile esperienza ai ragazzi delle scuole medie e superiori. Nel 1938, a seguito della promulgazione delle leggi raziali, a Modiano, che all’epoca aveva solo 8 anni, venne impedito, cosi come a tutti i bambini di origine ebraica, di proseguire gli studi e all’età di 14 anni, venne internato insieme al padre nel campo nazista di Birkenau dove rischiò più volte la vita in condizioni atroci e dove perse tutti i membri della sua famiglia. L’Assessore alla Cultura e Istruzione Chiara Autunno spiega: “Come maggioranza abbiamo accolto subito la proposta della Consulta presentandola e approvandola all’unanimità nella seduta di consiglio comunale tenutasi il 7 gennaio; l’onorificenza verrà consegnata a Sami Modiano, non appena possibile, con la seguente motivazione presentata dai ragazzi stessi”: “SAMI MODIANO, conosciuto dai ragazzi durante i Viaggi della Memoria organizzati dal Ministero dell’Istruzione, sopravvissuto al Campo di Concentramento di Auschwitz-Birkenau è per i Giovani Testimonianza dell’Importanza della Legalità, del Valore del Rispetto per la Vita Umana, Esempio di Resilienza e di Fede in un Futuro migliore, esempio ancor più significativo nel difficile e delicato momento storico-sociale creato dal Covid 19”.
“La cittadinanza onoraria costituisce un riconoscimento onorifico per chi, non essendo iscritto all’anagrafe del Comune si è particolarmente distinto in azioni di alto valore a vantaggio della collettività o della Nazione cosa che Modiano, da anni, continua a svolgere con il suo impegno verso i giovani” prosegue Autunno “e voglio ringraziare la Consulta Provinciale e la Prof.ssa Gabriella Colla che con la loro proposta hanno dato alla nostra città l’onore di poter conferire tale riconoscimento. In tempi di “normalità” avremmo avuto l’onore di ospitare Modiano e ascoltare insieme ai nostri ragazzi la sua testimonianza; purtroppo, ciò per ora non è possibile, ma sono certa che i dirigenti scolastici e gli insegnanti sapranno prendere spunto dalla persona di Modiano per approfondire con gli studenti il tema tanto delicato quanto complesso della Shoah in preparazione del Giorno della Memoria”.

L’Assessore alla Cultura e Istruzione
Chiara Autunno