Incontro sul ripristino della ferrovia Santhià-Arona

Incontro_RipristinoFerrovia_Santhia-Arona_SpazioModerno_20171209_EGS2017_40350_s

sabato 9 dicembre 2017 – ore 11.00, Spazio Moderno, Via Martiri della Libertà
All’interno della mostra “Babbo Natale torna in treno” allo Spazio Moderno di via Martiri della Libertà ad Arona si è tenuto sabato 9 alle ore 11.00 un incontro con gli amministratori piemontesi sul possibile ripristino della ferrovia Santhià-Arona. A introdurre l’incontro Mario Matto, segretario dell’associazione “Ferrovia Internazionale Torino-Svizzera” che ha proposto come primo intervento utile su questa tratta di chiedere alle ferrovie di ripristinare le condizioni di esercizio per non perdere nel tempo il patrimonio collettivo e di seguito rivalutare l’itinerario internazionale della linea per il trasporto merci, come percorso turistico o alternativa in caso di guasti su altre linee. Da Santhià ad Arona ci sono 5 intersezioni e chiudere una linea trasversale indebolisce tutto il quadrante. Il sindaco di Arona, ha ricordato che le ferrovie sono state utili in occasione dell’Airshow 2016 e che a fatica è riuscito a ottenere un maggior numero di corse e treni con più carrozze. Per dar voce alle criticità e le necessità della tratta Milano-Domodossola e anche delle altre tratte, verrà istituto martedì 12 dicembre alle ore 18.00 presso il Comune di Arona un comitato di sindaci di tutte queste tratte a cui potranno aderire anche le provincie e le associazioni di settore. Si pensa, che la dismissione, intercorsa durante gli investimenti per l’alta velocità, oramai costruita, possa ora essere rivista con una prospettiva futura. Stefano Costa, presidente della provincia del Verbano-Cusio-Ossola, ha sottolineato che le provincie con il nuovo ordinamento non hanno più un coinvolgimento diretto, ma fanno parte di un quadrante e il presidente della provincia di Novara Matteo Besozzi, assente a questo incontro per altri impegni, è il referente per le quattro provincie VCO, Biella e Vercelli che fanno parte dell’agenzia regionale per la mobilità, per programmare e intervenire sui trasporti pubblici locali. Dagli interventi è emerso che anche con il nuovo comitato che nascerà, si potrà dar voce a queste richieste, sostenendo che lo sviluppo economico si sviluppa con la maggior possibilità di muoversi e la mobilità sostenibile è sempre più da sostenere e privilegiare perchè le città oramai sono troppo sature di auto. Achille Chiari, presidente dell’associazione “Ferrovia Internazionale Torino-Svizzera” ha concluso l’incontro ricordando che quando esposto dal segretario per far riaprire la linea ferroviaria Santhià-Arona è illustrato nella petizione che si può firmare anche online su change.org»
EGS

ascolta l’audio dell’incontro

Lascia un commento

commenti