Carlo Intelisano presenta la lista “Lago della Bilancia”

sabato 29 agosto 2020 – Comunicato stampa “Lago della Bilancia” 
“Lago della bilancia è l’unica lista assolutamente apolitica non affiancata ad alcun partito, non dovrà rispondere a nessuna Segreteria e a nessun direttivo: sono i cittadini il nostro principale riferimento. I nostri “punti cardinali” sono: la trasparenza, la partecipazione, l’ascolto ed il controllo delle spese comunali.” Carlo Intelisano, 56 anni, geometra, presenta così la propria squadra. “Un gruppo di 13 persone che si sono messe in gioco creando un programma, ricco di spunti e di progetti. L’unico gruppo che può garantire una vera opposizione e non una “pseudo opposizione” come avvenuto finora. Un gruppo che non presenta figure che hanno già dimostrato la propria superficialità in Consiglio Comunale. Proponiamo figure di lavoratori e pensionati che si sono spesi per la città, come Giovanni Savio, ex Aronese dell’anno, ex infermiere dell’ospedale di Arona, che afferma: “La chiusura dell’ospedale ha nei partiti i veri responsabili, nessuno escluso. Proponiamo un potenziamento dei servizi sanitari e il no all’abbattimento dell’ex Tigros di Via Don Minzoni per ricavare una manciata ci parcheggi, cementificando in periferia. Quell’immobile può diventare il nuovo Laboratorio analisi di Arona per evitare code, assembramenti e prenotazioni. Il Sindaco dovrà poi attivarsi per dare nuovi servizi e migliorare i tempi di attesa per le visite dei cittadini.” Angelo Scircoli, operaio ed invalido del lavoro, aggiunge: “Entro due anni un progetto per l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche comunali e nessun contributo di alcun tipo a locali o attività che non intendano abbatterle: è un gesto di civiltà.” Maria Mazzone e Tiziana Manca, operatrici socio sanitarie, lavorano per i più anziani: “Si deve lavorare per recuperare l’immobile ex Casa di Riposo di Piazza Nazario Sauro per creare mini alloggi per anziani e agevolare l’inserimento in Arona di nuovi nuclei, tramite lo sviluppo di interventi sociali e servizi a supporto delle famiglie con figli in età scolare, per frenare il calo demografico costante della città”. Mazzone, volontaria della CRI, residente a Dagnente, ha seguito il programma delle frazioni: “Proponiamo collegamenti con il centro tramite convenzionamenti con realtà imprenditoriali locali. Per Mercurago pensiamo alla creazione di nuovi orti urbani e al recupero dell’area verde accanto al campo di calcio con un percorso vita.” Laura Fusè, organizzatrice di eventi, ritiene che Arona debba cambiare passo: “Basta con la politica del “Pavone” della Giunta attuale, che non dà ascolto alle richieste dei cittadini e che favorisce il turismo mordi e fuggi e la movida. Da risolvere l’attuale situazione dei bagni pubblici cittadini e quella del Lido. Parcheggi gratuiti per gli aronesi ed eventi che facilitino un turismo di lunga durata. Più partecipazione dei cittadini alle scelte dell’amministrazione”. Loris Nagari, pensionato, vorrebbe una città più verde: “Sull’ambiente bisogna fare molto: chiudere gli scarichi fognari a lago, riqualificazione del lungolago e di tutti i parchi cittadini con maggior verde ed essenze floreali, eliminazione dei tetti in amianto.” Crescenzo Bagnati, operatore scolastico in pensione: “La polizia Locale deve essere più presente sul territorio: la sicurezza è una nostra priorità. Risparmiamo 20.000 euro togliendo i vigilantes, utilizzando la protezione civile già in convenzione.” Pasquale Bagnati , impegnato nell’edilizia, pensa al commercio: “I negozi di vicinato sono la storia della città: bisogna evitare che chiudano con l’impiego di politiche ad hoc, tramite incentivi e affitti a canone calmierato, soprattutto per quelli in periferia. “Antonella Angela lamundo, impegnata nel volontariato è amante degli animali: ” Proponiamo aiuti economici per le cure di un animale di affezione tramite convenzioni con strutture sanitarie veterinarie e la realizzazione di nuove aree di sgambatura per i cani.” Gabriella Scurati si interessa di cultura: “Bisogna collaborare con fondazioni, enti culturali ed associazioni anche di altre città ed erogare contributi solo dietro presentazione di progetti e rendicontazioni finali. Basta con le mance elettorali.” Doriano Ferruccio Barbiere: “Per il lavoro bisogna attivare protocolli per inserire le persone che percepiscono il reddito di cittadinanza nelle attività comunali.” Massimiliano Martino, operante nel settore dell’edilizia, ritiene che le tasse siano troppo alte: “Addizionale Irpef almeno da dimezzare: è la più alta del territorio.” Caterina Serafino, pensionata: “Per l’istruzione proponiamo corsi di recupero scolastico e supporti per i compiti ed i recuperi estivi.”

Carlo Intelisano, candidato Sindaco per la lista, conclude: “Per tutti la lotta agli sprechi è basilare. 100.000 Euro, troppi i soldi spesi per gli eventi “Lake and Shopping” per privilegiare poche persone, i 400.000 Euro alle associazioni, 66.000 Euro per una filodiffusione poco utilizzata: i soldi dei cittadini valgono doppio. Abbiamo tanti progetti illustrati nel nostro programma amministrativo, utili per la città e a basso costo.”

I candidati alla carica di consigliere comunale»
Il programma della lista “Lago della Bilancia” Carlo Intelisano sindaco»