La Croce interviene sul consiglio comunale di sabato

ConsiglioComunale_20200229_EGS2020_03909_s

lunedì 2 Marzo 2020 – Comunicato Stampa, Senso Civico 
Chiusura alberghi per coronavirus: “Agire subito sulla fiscalità. Estendere riduzione tassa di soggiorno fino a fine anno”
«Il Coronavirus sta già avendo ricadute pesantissime sull’economia di Arona e di tutto il lago, un duro colpo per turismo e indotto, con alcuni alberghi che da questa settimana stanno chiudendo per mancanza di prenotazioni. Dispiace – commenta il candidato sindaco di Senso Civico, Giovanni La Croce – che l’amministrazione Gusmeroli abbia detto NO al congelamento della tassa di soggiorno fino a fine anno e soprattutto ad agire su altre leve fiscali per agevolare davvero il settore ricettivo come abbiamo ipotizzato sia noi di Senso Civico, sia il consigliere di minoranza Alessandro Travaini. Il Consiglio comunale di sabato 29 febbraio è stato un teatrino elettorale: la Lega ha congelato solo per tre mesi la tassa di soggiorno, che peraltro non pagano gli albergatori, ma i turisti che già hanno disdetto; non ha minimamente considerato le proposte per dare maggior sollievo al settore, né la possibilità di discuterne in un apposito tavolo tecnico come è stato richiesto. Inoltre (casualmente?!) a pochi minuti dal termine del Consiglio, il referente locale di Federalberghi ha diramato un comunicato in cui ha ricordato quanto è bravo il sindaco, plaudendo al provvedimento senza nemmeno sapere degli interventi ben più efficaci e completamente ignorati. Uno spot che approfitta dell’emergenza coronavirus e non dà risposte reali al settore ricettivo, dopo che – è bene ricordarlo – l’amministrazione Gusmeroli aveva imposto ad Arona una tassa di soggiorno tra le più elevate del Lago, che anche gli stessi albergatori avevano contestato».