Guida Blu 2018, Arona conferma 3 vele

GliAmiciDelLagoLegambiente_logo

venerdì 15 giugno 2018 – Comunicato stampa Circolo di Legambiente Arona
La guida annuale di Legambiente e Touring Club Italiano, Il mare più bello 2018, è stata presentata questa mattina a Roma. I distretti turistici del lago Maggiore piemontese confermano i giudizi positivi degli scorsi anni ottenendo 4 vele (sulle 5 disponibili) con l’alto Verbano e il golfo Borromeo (Baveno, Cannero Riviera, Cannobio, Ghiffa, Oggebbio, Stresa e Verbania) mentre tre vele sono state assegnate al sud Verbano (Arona, Dormelletto, Meina, Lesa e Belgirate).

Roberto Signorelli vicepresidente del circolo di Legambiente Gli Amici del Lago e responsabile locale della classificazioni della guida ha dichiarato: “Anche quest’anno la guida del Touring Club e di Legambiente conferma i giudizi positivi dei due comprensori turistici della riviera piemontese del Verbano. Tra i 40 territori lacustri che hanno ottenuto il riconoscimento e la pubblicazione nella guida, questo risultato di 3 e 4 vele conferma la validità dell’offerta turistica del nostro territorio. I criteri di valutazione sono principalmente ispirati alla qualità delle acque e, più in generale, all’attenzione all’ambiente e sono piuttosto stringenti, basati su parametri numerici oggettivi. Questo risultato è importante ma non deve fare abbassare la guardia ed è necessario per le amministrazioni continuare ad investire nella direzione di un turismo sostenibile secondo le aspettative di una domanda sempre più attenta ai parametri ambientali e si devono risolvere ancora alcune criticità sulla depurazione delle acque.”

 La guida racconta 44 tra le più belle zone balneari del nostro Paese e una serie di località lacustri. Non pretende di essere un censimento dei comprensori balneari italiani ma ne rappresenta una selezione in base a criteri principalmente ispirati alla qualità delle acque e, più in generale, all’attenzione all’ambiente. Alla base della selezione ci sono le analisi e le valutazioni della Goletta Verde e della Goletta dei Laghi, che per il secondo anno consecutivo assegna le “vele” non più alle località balneari ma a interi comprensori turistici.

Una particolare attenzione è rivolta, inoltre, alle possibilità di escursioni, immersioni, percorsi in bicicletta, noleggio di canoe, luoghi che meritano una visita speciale o piccole esperienze che sarà difficile dimenticare. Il racconto delle località costiere, insomma, è integrato con proposte e consigli per una vacanza verde, di sole e di mare ma anche, per chi vuole, di attività fisica.

Sono 17 i comprensori marini che hanno ottenuto il riconoscimento delle cinque vele e 6 quelli lacustri. In totale, i comprensori turistici marini raccolti nel volume sono 96 e 40 quelli lacustri. Individuati sulla base dei dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche delle qualità ambientali e di quelle dei servizi ricettivi: uso del suolo, degrado del paesaggio e biodiversità, attività turistiche; stato delle aree costiere; mobilità; energia; acqua e depurazione; rifiuti; iniziative per la sostenibilità; sicurezza alimentare e produzioni tipiche; mare, spiagge ed entroterra, struttura sociale e sanitaria. Sono territori vasti che possono contenere anche più comuni, una scelta dettata dal fatto che chi va in vacanza non si ferma al confine amministrativo, ma visita spesso un territorio più ampio optando per modalità di turismo itinerante.

Ufficio Stampa Circolo di Legambiente Gli Amici del Lago

Lascia un commento

commenti