Pd Arona: La preoccupante deriva della Lega aronese

PdArona_logo

lunedì 18 settembre 2017 – Comunicato stampa PD Arona
La mattina di domenica 17 settembre il sindaco Gusmeroli ha celebrato la Bike Night Milano Laghi esternando su Facebook la sua gioia per l’arrivo tra i primi dell’«eccezionale Sindaco di Gazzada Schianno, l’amica Cristina Bertuletti», con tanto di foto ricordo.
Purtroppo dobbiamo segnalare come la sindaca Bertuletti sia nota alle cronache locali e nazionale per le sue dichiarazioni pubbliche violente e offensive, piuttosto che per la sua attività da amministratrice. Risale infatti al 2016 l’uscita pubblica su Facebook in cui l’amministratrice invocava il ritorno del Duce in un post nel quale scriveva “Duce oh Duce …quando ti reincarni?”. Sempre nel 2016 la sindaca augurava pubblicamente l’esecuzione capitale di Annamaria Furlan, segretaria generale della CISL.
Si tratta della seconda volta in pochi mesi che il sindaco Gusmeroli accoglie ad Arona personaggi legati al mondo dell’estrema destra xenofoba e neofascista. Era già avvenuto nel luglio di quest’anno, quando all’incontro patrocinato dal Comune di Arona “Dalla Siria all’Italia” erano stati invitati a parlare esponenti del Centro Studi dedicato a Giovanni Pompa e Francesco Rapellini, due esponenti della Repubblica Sociale Italiana, e Alberto Palladino, sostenitore di Casa Pound condannato nel 2011 a 2 anni e 8 mesi di reclusione per l’aggressione di alcuni manifestanti del Partito Democratico intenti ad affiggere manifesti. Sempre a luglio il Partito Democratico di Arona, con l’Anpi locale e provinciale, aveva denunciato la situazione e chiesto chiarimenti al sindaco, che si era rifiutato di darne, sia tramite la stampa che in Consiglio Comunale.
Queste ripetute vicende ci preoccupano molto. Probabilmente, in linea con quanto annunciato ieri da Salvini, il sindaco Gusmeroli e la Lega Nord di Arona in vista delle prossime elezioni politiche sono alla ricerca frenetica di voti – e poco importa da dove provengano – magari anche per supportare le ambizioni elettorali di qualche dirigente locale, ma chi amministra dovrebbe evitare di trasformare la propria città in un punto di riferimento di violenti e intolleranti per un semplice ritorno elettorale.

Arona, 18 settembre 2017

Lascia un commento

commenti