Goletta dei Laghi, i risultati dei monitoraggi sul Lago Maggiore

GolettadeiLaghi_20150709_s

venerdì 8 luglio 2016 – Comunicato stampa Legambiente
Presentati i risultati dei monitoraggi sul Lago Maggiore: 3 punti su 9 sono fortemente inquinati – Legambiente: “Registriamo miglioramenti che fanno intravedere un cambio di rotta, ma non bisogna abbassare la guardia”
MEINA (NO), 8 LUGLIO 2015 – Il tour piemontese della Goletta dei Laghi 2016, campagna nazionale di Legambiente a tutela dei bacini lacustri italiani – in collaborazione con il COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Esausti) e Novamont – si è concluso oggi presso la sede di Meina della Lega Navale Italiana, dove l’equipaggio del Cigno Azzurro ha reso noti i dati dei monitoraggi scientifici sul lago Maggiore. Nelle analisi della Goletta dei laghi vengono prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che si trovano lungo le rive dei laghi, punti spesso segnalati dai cittadini attraverso il servizio SOS Goletta*: queste situazioni sono i veicoli principali di contaminazione batterica di origine fecale, dovuta all’insufficiente depurazione degli scarichi civili che attraverso i corsi d’acqua arrivano nel lago. Quello di Legambiente è un campionamento puntuale che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali, né pretende di assegnare patenti di balneabilità, ma restituisce comunque un’istantanea utile per individuare i problemi e ragionare sulle soluzioni. In conferenza stampa erano presenti il responsabile di Goletta dei laghi di Legambiente Simone Nuglio, il vicepresidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta Federico Vozza, il referente di Legambiente Piemonte Roberto Signorelli e in rappresentanza di Arpa Piemonte Guido Barberi.
I risultati dell’edizione 2016 della Goletta dei laghi hanno messo in luce una situazione di progresso rispetto ai monitoraggi dell’anno passato, in particolare laddove insistevano criticità segnalate da diverso tempo alle amministrazioni locali, come la foce del fiume Toce e del torrente San Bernardino a Verbania o il lungolago ad Arona.
“L’Obiettivo della Goletta dei laghi – spiega Simone Nuglio, responsabile Goletta dei laghi di Legambiente non è solo denunciare situazioni critiche per la qualità dell’acqua, ma anche stimolare un dialogo tra le diverse amministrazioni e le autorità di controllo in un’ottica di sistema. Il lago rappresenta già di per sé uno straordinario tavolo di confronto, che supera le mere competenze locali. La balneabilità delle acque e la gestione del territorio in nome della tutela degli ecosistemi lacustri e della biodiversità, devono essere considerati strumenti importanti per promuovere un turismo sostenibile, tanto da essere una spinta per il rilancio economico dell’intero territorio”.

Il dettaglio delle analisi di Goletta dei laghi sulla sponda piemontese
I campioni prelevati nella provincia hanno mostrato cariche batteriche altamente al di sopra dei limiti di legge a Dormelletto, alla foce del rio Arlasca, presso lo scarico del depuratore, ad Arona alla foce del torrente Vevera, presso lido in via De Gasperi. Rientrano, invece, nei livelli consentiti dalla normativa le acque prelevate a Lesa in corrispondenza di via Vittorio Veneto, a Dormelletto in corrispondenza della stazione di sollevamento presso via Oberdan e ad Arona in corrispondenza di Corso Marconi. Nella provincia di Verbania è Stresa a segnare il risultato peggiore, presso lo sfioratore di piazza Marconi; mentre la Foce del fiume Toce, del torrente San Bernardino e a Cannobio sul lungolago, presso piazza Vittorio Emanuele III, rientrano nei limiti di legge.
“Quest’anno ci troviamo di fronte a dati che raccontano un generale miglioramento delle condizioni di salute del lago Maggiore sulla sponda piemontese – dichiara Federico Vozza, vicepresidente di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta Siamo certi che iniziative come la Goletta dei laghi hanno contribuito in maniera significativa a promuovere un cambio di indirizzo nelle politiche locali. Il risultato positivo sul lungolago di Arona premia gli sforzi fatti dall’amministrazione per la riqualificazione del lungo lago e gli investimenti fatti per il collettamento del sistema fognario. Non abbassiamo, però, la guardia e torniamo a ribadire la necessità di intervenire per migliorare anche le condizioni della foce del torrente Vevera che ogni anno risulta fortemente inquinato“.
Anche per l’edizione 2016 il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati è main partner della campagna estiva di Legambiente. Attivo da 32 anni, il COOU garantisce la raccolta degli oli lubrificanti usati su tutto il territorio nazionale. L’olio usato – che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli – è un rifiuto pericoloso per la salute e per l’ambiente che deve essere smaltito correttamente: 4 chili di olio usato, il cambio di un’auto, se versati in acqua inquinano una superficie grande come sei piscine olimpiche. Ma l’olio usato è anche un’importante risorsa perché può essere rigenerato tornando a nuova vita in un’ottica di economia circolare: il 90% dell’olio raccolto viene classificato come idoneo alla rigenerazione per la produzione di nuove basi lubrificanti, un dato che fa dell’Italia il Paese leader in Europa. “La difesa dell’ambiente, in particolare del mare e dei laghi – spiega il presidente del COOU, Paolo Tomasi – rappresenta uno dei capisaldi della nostra azione. L’operato del Consorzio con la sua filiera non evita solo una potenziale dispersione nell’ambiente di un rifiuto pericoloso, ma lo trasforma in una preziosa risorsa per l’economia del Paese”.

I RISULTATI DEI MONITORAGGI SCIENTIFICI NEL LAGO MAGGIORE

LAGO Regione PV Comune Punto Giudizio 2016 Giudizio 2015 Giudizio 2014
Maggiore Piemonte NO Dormelletto Lago, in corrispondenza della stazione di sollevamento presso via Oberdan Entro i limiti Fortemente inquinato Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte NO Dormelletto Foce rio Arlasca (scarico depuratore) Fortemente inquinato Fortemente inquinato Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte NO Arona Foce torrente Vevera, presso lido (via De Gasperi) Fortemente inquinato Fortemente inquinato Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte NO Arona Lago, in corrispondenza di Corso Marconi 93 Entro i limiti Fortemente inquinato Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte NO Lesa Lago, in corrispondenza di via Vittorio Veneto 31 Entro i limiti
Maggiore Piemonte VCO Stresa Lago, presso sfioratore piazza Marconi Fortemente inquinato Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte VCO Verbania Foce fiume Toce Entro i limiti Fortemente inquinato Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte VCO Verbania Foce torrente San Bernardino Entro i limiti Entro i limiti Entro i limiti
Maggiore Piemonte VCO Cannobio Lungolago, presso piazza Vittorio Emanuele III Entro i limiti

I campionamenti sono stati effettuati il 4/07/2016 e il 5/07/2016
Per consultare i dati onlinehttp://www.legambiente.it/golettaverde-map/

Nota sul monitoraggio scientifico  I prelievi vengono eseguiti dalla squadra di tecnici di Legambiente e i campioni per le analisi microbiologiche sono conservati in barattoli sterili in frigorifero, fino al momento dell’analisi, che avviene nel laboratorio mobile entro le 24 ore dal prelievo. Come da normativa “il punto di monitoraggio è fissato dove si prevede il maggior afflusso di bagnanti o il rischio più elevato di inquinamento in base al profilo delle acque di balneazione”. I parametri presi in considerazione sono gli stessi previsti per i controlli sulla balneazione in base al Decreto Legislativo del 30 maggio 2008 n° 116.
Il lavoro di campionamento di Goletta dei Laghi quest’anno per la prima volta ha riguardato anche il monitoraggio delle microplastiche. I dati raccolti verranno elaborati nelle prossime settimane e presentati in un convegno nazionale in autunno a Roma.

Legenda: 
INQUINATO: Enterococchi Intestinali maggiore di 500 UFC/100ml e/o Escherichia Coli maggiore di 1000 UFC/100ml
FORTEMENTE INQUINATO: Enterococchi Intestinali maggiore di 1000 UFC/100ml e/o Escherichia Coli maggiore di 2000 UFC/100ml

TABELLA RIEPILOGATIVA DEL LAGO MAGGIORE

LAGO Regione PV Comune Punto Giudizio 2016
Maggiore Piemonte NO Dormelletto Lago, in corrispondenza della stazione di sollevamento presso via Oberdan Entro i limiti
Maggiore Piemonte NO Dormelletto Foce rio Arlasca (scarico depuratore) Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte NO Arona Foce torrente Vevera, presso lido (via De Gasperi) Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte NO Arona Lago, in corrispondenza di Corso Marconi 93 Entro i limiti
Maggiore Piemonte NO Lesa Lago, in corrispondenza di via Vittorio Veneto 31 Entro i limiti
Maggiore Piemonte VCO Stresa Lago, presso sfioratore piazza Marconi Fortemente inquinato
Maggiore Piemonte VCO Verbania Foce fiume Toce Entro i limiti
Maggiore Piemonte VCO Verbania Foce torrente San Bernardino Entro i limiti
Maggiore Piemonte VCO Cannobio Lungolago, presso piazza Vittorio Emanuele III Entro i limiti
Maggiore Lombardia VA Germignaga Foce canale presso Lido Comunale Fortemente inquinato
Maggiore Lombardia VA Laveno Mombello Foce torrente Boesio Fortemente inquinato
Maggiore Lombardia VA Laveno Mombello Lago, presso scarico lungolago Parabò, spiaggia di Cerro Fortemente inquinato
Maggiore Lombardia VA Monvalle Foce torrente Monvallina Fortemente inquinato
Maggiore Lombardia VA Brebbia Foce torrente Bardello Fortemente inquinato
Maggiore Lombardia VA Ispra Foce torrente Acqua Negra Fortemente inquinato
Maggiore Lombardia VA Angera Torrente presso Oasi Bruschera Entro i limiti
Maggiore Lombardia VA Sesto Calende Lisanza, alla fine di via al Lago Entro i limiti

*SOS Goletta: Per segnalare casi di inquinamento è possibile inviare una email a   con una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per identificare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico o chiamando il 349/4597983.