Metti una sera al Museo! 2022

martedì 9 agosto 2022 – ore 21.00, Archeomuseo Khaled al-Asaad 
Martedì 9 agosto l’ArcheoMuseo di Arona è tornato a proporre una serie di serate di apertura speciale, con la possibilità di apprezzare il museo by night approfondendo ogni volta un argomento diverso sul tema “Alla scoperta del Celti”.
La prima serata è stata dedicata ai gioielli dei Celti con una conferenza con proiezione a cura della conservatrice Elena Poletti Ecclesia, volta a presentare l’eccezionale patrimonio di ornamenti personali della tarda età del Ferro provenienti dalla necropoli di Dormelletto e da Arona e circondario, inserendoli nel contesto di quanto si conosce su abbigliamento e gioielli dei Celti. La serata si è conclusa con una visita al museo per mettere in luce le particolarissime parure di cavigliere e bracciali ad ovoli, le caratteristiche fibule “a testa elmata”, originariamente decorate con incrostazioni di corallo e i resti di tessili conservati per mineralizzazione, che aprono lo sguardo sui vestiti in uso oltre 2000 anni fa.
Le serate proseguono martedì 16 agosto alle 21.00 con un approfondimento sul tema “La scrittura dei Celti”. Dopo una proiezione introduttiva i partecipanti saranno coinvolti a sperimentare e potranno imparare a leggere e scrivere con l’antico alfabeto gallico. I prossimi appuntamenti martedì 23 agosto alle ore 21 con “I vasi a trottola” una serata per famiglie con bambini con un’attività laboratoriale e creativa di disegno/pittura secondo gli schemi che si osservano su questi vasi. Queste serate sono ad ingresso gratuito con prenotazione consigliata al tel. 0322 48294 – . La rassegna si conclude martedì 30 agosto alle ore 21.00 con la serata “I banchetti dei Celti”, dopo una conferenza introduttiva, verrà proposto un percorso di degustazione di pietanze del più lontano passato, comprensiva di quattro assaggi. Per questa serata, per cui è richiesta la quota di 15 euro a persona, è obbligatoria la prenotazione al 0322 48294 – 

L’Assessore alla Cultura e Turismo Chiara Autunno così commenta la serie di iniziative: «Anche per questa stagione vogliamo proporre il museo sotto una luce diversa per incuriosire le persone e invogliarle a conoscerlo, siano frequentatori abituali o nuovi visitatori. Il programma si rivolge ad un pubblico eterogeneo e comprende anche famiglie con bambini perché crediamo nell’importanza di un’offerta culturale che sia un’alternativa valida al semplice svago. L’appuntamento che conclude la rassegna è una grande novità che permette di vivere il museo in prima persona e di “gustarlo” letteralmente».