Legambiente, confronto costruttivo o azione mediatica?

venerdì 15 luglio 2022 – Comunicato stampa Circolo Legambiente “Gli Amici del Lago” 
Confronto costruttivo oppure azione mediatica per confondere le acque e annacquare le criticità?
Dai ai media locali apprendiamo la richiesta dell’Amministrazione comunale di Arona di svolgere insieme le analisi delle acque del lago nei punti critici.
La cosa inusuale è che questa richiesta di collaborazione arrivi attraverso i media, senza un contatto formale e ufficiale. Gli strumenti di comunicazione non mancano, sarebbero sufficienti una telefonata, un SMS, una email o un messaggio WhatsApp.
Il sospetto che sia un’operazione mediatica – con il supporto del gestore della depurazione – che persegue obiettivi di immagine, facilmente intuibili è molto forte e siamo anche consapevoli delle esigenze di ricerca continua del consenso elettorale da parte della politica.
Tuttavia, prendiamo atto di questa richiesta e poiché tra gli obiettivi primari di Legambiente rientra anche la tutela delle acque, siamo aperti a valutare la possibilità di riprendere un confronto serio, sereno e costruttivo, come parzialmente è avvenuto in un passato ormai remoto.
La nostra associazione ha instaurato da anni un’attività di collaborazione con numerose amministrazioni locali del Verbano e del Cusio, con l’Agenzia regionale di protezione ambientale e anche con il gestore delle acque del territorio, oltre che con importanti Enti di ricerca scientifica, attivando progetti comuni e dei tavoli di confronto per risolvere, o almeno mitigare gli effetti di alcune situazioni critiche di inquinamento e di sversamenti di liquami a lago e studi sulla presenza di microplastiche nelle acque.
Se anche l’amministrazione di Arona intende confrontarsi con Legambiente per intraprendere un percorso virtuoso e concreto di buone pratiche ambientali siamo disponibili a discutere, come lo siamo stati e lo siamo con le altre amministrazioni.
Crediamo che l’unico modo serio per affrontare un problema parta da non sottovalutarlo, da non minimizzarlo per esigenze di immagine e di affrontarlo semplicemente per quello che è, identificando soluzioni possibili.

Presepi in mostra