Positiva la risposta allo screening dell’osteoporosi del Lions

lunedì 20 giugno 2022 – Comunicato stampa Lions Club Arona-Stresa 
Osteoporosi e prevenzione: positiva la risposta dei cittadini al service offerto da Lions Club Arona-Stresa
Il service sulla prevenzione dell’osteoporosi offerto da Lions Club Arona-Stresa nella giornata di sabato 18 giugno, si è concluso con 131 screening effettuati. Un ottimo risultato che racconta la capacità dell’associazione di rispondere alle esigenze della popolazione. Sono state soprattutto le donne (110) a recarsi all’Istituto Marcelline per sottoposti al test, mentre gli uomini sono stati 21. Lo screening ha permesso di valutare la densitometria, ovvero la densità minerale delle ossa. L’esito dei test, consegnato ai pazienti subito dopo l’esame, ha permesso di prendere coscienza della propria predisposizione o non predisposizione all’osteoporosi. La fascia media d’età delle persone che hanno deciso di effettuare l’esame è stata dai 60 ai 70 anni, l’età massima è stata di 85 anni mentre l’età minima è stata di 27 anni (si tratta di una paziente affetta da lupus). Sul totale dei test, 28 pazienti sono risultati affetti da osteoporosi. In questo caso l’esito è stato segnalato al medico di base del paziente per avviare il percorso di trattamento.

Il service ha avuto inizio in mattinata, a partire dalle ore 9.00 per proseguire fino alle 13.00. Dopo una pausa, i Lions si sono rimessi al lavoro. «La nostra giornata si è conclusa poco dopo le 18.30 – racconta Cristian Basalini, Presidente del Lions Club Arona-Stresa – è stata una giornata intensa ma ricca di soddisfazioni. In tanti si sono rivolti al nostro service e questo significa che siamo stati capaci di interpretare le necessità della cittadinanza. I volontari che si sono occupati dell’accoglienza e della gestione del service sono stati una decina, divisi in 2 turni. Ci tengo a ringraziare le sorelle dell’Istituto Marcelline che ci hanno permesso di realizzare l’iniziativa in un posto fresco e tranquillo. Sono state molto disponibili e per questo un grazie sincero va a loro. Desidero ringraziare anche il dott. Antonio Benedini, medico e socio Lions, che ha sempre dimostrato impegno e professionalità. È soprattutto grazie al suo lavoro che è stato possibile dare vita ad un service importante che ha voluto tutelare la salute delle persone concentrandosi sulla prevenzione».

Ad effettuare il test sono stati sia cittadini aronesi che persone provenienti dai paesi limitrofi. C’è stato anche chi ha notato il cartellone fuori dall’Istituto e ha deciso di cogliere l’occasione. «Molti sapevano del service – spiega il dott. Antonio Benedini – alcune persone avevano usufruito del servizio anche gli scorsi anni. Prima dell’emergenza sanitaria l’iniziativa veniva proposta una volta all’anno, con la pandemia inevitabilmente abbiamo dovuto fermarci. È stato bello vedere come tante persone sono tornate quest’anno per sottoporsi al test. Questo tipo di controllo generalmente ha tempi molto lunghi, si parla anche di mesi. Con il nostro service invece le persone hanno avuto un risultato di qualità in meno di mezz’ora. In tanti si sono detti soddisfatti e per noi è stata una grande soddisfazione».