Teatro sull’Acqua 2020 – Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore

TeatroSullAcqua2020_UnTagliatorediTestesulLagoMaggiore_20200909_EGS2020_12709_s

mercoledì 9 settembre 2020 – ore 21.15, Piazza del Popolo 
In piazza del Popolo ad Arona, mercoledì 9 settembre 2020 è andato in scena la prima nazionale dello spettacolo “Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore” scritto da Dacia Maraini con la regia di Francesco Tavassi, produzione Teatro sull’Acqua e Nidodiragno.

“Un tagliatore di teste sul Lago Maggiore” è un testo rivisto e riadattato, già messo in scena nel 2003 a Roma nel laghetto di Villa Borghese, un vero e proprio omaggio di Dacia Maraini per i dieci anni del Festival.
Nella nuova versione per le acque del Lago Maggiore Mariano Rigillo ha impersonato i ruoli di Goethe e Gogol, mentre il boia, Tata degli Angeli è stato interpretato da Toni Fornari. Nel cast anche Anna Teresa Rossini, Salvatore Rancatore e Silvia Siravo con i costumi di Maria Rosaria Donadio e la collaborazione del Maneggio Camelot.

“Un tagliatore di teste sul lago Maggiore” racconta di un boia di due secoli fa, sollevato dal suo lavoro perché invecchiato e indebolito. Il boia Tata se ne va in barca di sera sul lago, riflettendo ad alta voce e rivolgendosi alle acque silenziose e scure su cui si riflettono i suoi pensieri. Un testo surreale e grottesco, un viaggio nel tempo che, passando attraverso la fantasticheria crudele ma anche poetica di un boia ottocentesco, rende visibile l’invisibile facendo sentire i passi, le voci o sospiri di coloro che se ne sono andati da molto tempo, ma sono ancora con noi per le impronte che hanno lasciato nella memoria collettiva. Dacia Maraini

Le immagini sono della prova generale dell’8 settembre e della prima nazionale del 9 settembre. Lo spettacolo è stato messo in scena in replica il 10, 11 e 12 settembre.