La Notte Nazionale del Liceo Classico al Fermi di Arona

Evento_LaNotteNazionaledelLiceoClassico_IstitutoFermiArona_20190111_EGS2019_01398_s

venerdì 11 gennaio 2019 – ore 18.00, Istituto di Istruzione Superiore “Enrico Fermi” Arona
E’ stata una grande, gioiosa festa della cultura e per la cultura la “Notte nazionale del liceo classico” che venerdì 11 gennaio, dalle 18 alle 24, ha portato al “Fermi” di Arona 700 persone. Questo il numero degli ingressi che gli uomini della Protezione civile, Corpo Aib Arona – Montrigiasco  ha registrato con i contapersone, a cui vanno aggiunti i 200 studenti e i docenti dell’istituto superiore aronese che hanno animato l’evento.
Tra gli ospiti, il sindaco di Arona, on. Alberto Gusmeroli, gli assessori aronesi Chiara Autunno, Marina Grassani e Monia Mazza, Andrea Crivelli, consigliere provinciale con delega all’istruzione, Carlo Volta, presidente del Festival della dignità umana, che ha collaborato per l’organizzazione delle conferenze.
Sotto il titolo “Παιδεία ες αίεί”, ovvero la “Cultura come possesso per sempre”, tanti appuntamenti che hanno avuto come comune denominatore i percorsi di approfondimento e di ricerca compiuti dagli allievi su tematiche diverse, sotto la guida dei loro insegnanti. Chiara Fabrizi, docente di latino e greco e referente per l’organizzazione della “Notte nazionale del liceo classico”, nel saluto iniziale ha sottolineato: “A chi nei giorni scorsi mi chiedeva che cosa di più nella preparazione della ‘Notte nazionale del liceo classico’ mi avesse entusiasmato ho risposto, d’istinto: Vedere come i nostri ragazzi abbiano lavorato con impegno e determinazione, qualcuno rinunciando anche alle vacanze natalizie, qualcun altro mettendosi a disposizione per stuccare il muro di un’aula su cui poi è stato riprodotto un famoso dipinto di Picasso. Cosa li ha spinti? Il credere nel valore della cultura, sperimentare che quello che si impara sui banchi di scuola non è lettera morta ma seme fecondo che renderà loro, e ci renderà tutti donne e uomini migliori”. La dirigente scolastica del “Fermi”, Marina Verzoletto, ha evidenziato come il programma della “Notte nazionale del liceo classico” sia frutto di un diverso approccio didattico in cui il docente e l’allievo sono fianco a fianco nella ricerca, nell’elaborazione e nella sintesi, in uno scambio continuo. Tutto ciò si è concretizzato in laboratori interattivi anche di carattere interdisciplinare, in cui i protagonisti sono stati gli allievi; nella presentazione dei relatori e nelle interviste-conferenze, seguite da un pubblico attento e motivato. Quali relatori, la prima edizione della “Notte nazionale del liceo classico” al Fermi di Arona ha avuto Giovanni Cerutti, Giannino Piana, Davide Maggi e Carlo Manni che, in assenza di Eugenio Borgna  (che ha dovuto declinare l’invito per motivi di salute) ha proposto un’interessante ricerca sul convento della Purificazione in Arona. Il pubblico ha interagito nell’Agorà e nello spazio del Convivium con i ragazzi del ginnasio che li hanno introdotti in usi e costumi dell’antichità attraverso cartelloni, spiegazioni, tableaux vivants. Applauditissimo lo spettacolo teatrale – una divertente e attualissima commedia di Aristofane, “Ecclesiazuse”, ovvero, “Donne al parlamento” – messa in scena dal laboratorio teatrale “My Fermi” diretto dall’attore e regista Andrea Gherardini.
In conclusione, la recitazione del Fragmentum Grenfellianum, noto come “Lamento dell’esclusa”: un momento di grande intensità, degna conclusione di una “Notte” all’insegna delle emozioni.

A lavorare all’organizzazione e ai contenuti della “Notte nazionale del liceo classico” sono stati i docenti e gli allievi di tutte le classi e di entrambe le sezioni del Classico dell’istituto aronese, impegnati già da tempo in percorsi di approfondimento.
Gli allievi sono stati guidati nei diversi percorsi dai loro docenti:
Amalia Angelillis, Chiara Fioramonti e Katia Vandoni per quel che riguarda l’accoglienza, il Convivium e gli approfondimenti su usi, costumi e tradizioni;
Gaia Aspesi, Maura Rodi e Susanna Tomasina con il regista e attore Andrea Gherardini per il laboratorio teatrale e musicale dedicato al mito;
Carlo De Nigris e Rosanna Di Federico per quel che riguarda il confronto con i filosofi di ieri;
Federica Mora per il laboratorio interattivo dedicato all’arte di Pablo Picasso;
Francesco Dalla Piazza e Diego Errico per il percorso di approfondimento sul tema del tempo, analizzato sia dal punto di vista delle conoscenze della fisica che dal punto di vista filosofico;
Marta Belletti e Chiara Fabrizi per il percorso legato alla disputa classica.
L’allievo Andrea Brignone ha coordinato la preparazione e le interviste con i relatori.
Hanno lavorato con dedizione alla “Notte nazionale del liceo classico” anche gli allievi che hanno costituito il “Team comunicazione”, in particolare Alice Brusati, Linda Bordignon, Elettra Erbetta, Paolo Perrotta e Melisew Marforio. A loro, per la realizzazione di un video, si sono aggiunti Diego Alovisetti e Tommaso Giordano, Mattia Polacchini. Le riprese della manifestazione sono stati a cura degli ex allievi Nicolò Piemontesi e Andrea Lo Bocchiaro.
Hanno collaborato i docenti: Laura Fortina, Nicoletta Brivio, Giovanni Rossi, Stefano Quintana, Antonella Lagger, Cristina Trivellin, Chelina Vella, Silvia Manini, Eleonora Carbonati, Massimo Guella, Mauro Isolini, Laura Andreis.

Si ringraziano in particolar modo per la collaborazione, oltre alla dirigente scolastica prof.ssa Marina Verzoletto, i docenti collaboratori della dirigente Patrizia Bruno e Pierangelo Di Franco, la direttrice dei servizi generali e amministrativi Giuseppina Sagona e il personale Ata e i collaboratori scolastici dell’istituto. Preziosa ed essenziale la collaborazione con il Comitato locale della Croce Rossa di Arona e dell’AIB Arona-Montrigiasco.
Sponsor dell’evento il Mollificio Valli di Oleggio Castello nella persona di Christian Valli, che ha sostenuto economicamente l’organizzazione della prima edizione della “Notte nazionale del liceo classico” e la ditta “Alanord” di Gornate Olona, nella persona di Flavio Bordignon che ha voluto contribuire in modo significativo all’organizzazione, in particolare del Convivium.
tratto da comunicato stampa

Ascolta l’audio dell’apertura e della conclusione dell’evento

Recitazione del Fragmentum Grenfellianum a conclusione della prima edizione al Liceo Fermi di Arona

La "Notte di Licei" al Fermi di Arona

La recitazione del Fragmentum Grenfellianum, noto come “Lamento dell’esclusa”: un momento di grande intensità, di una “Notte” all’insegna delle emozioni. #Arona #LaNottediLicei Notte Nazionale del Liceo Classico

Pubblicato da ARONAnelWEB.it su Sabato 12 gennaio 2019

Lascia un commento

commenti