La Lunga Notte Aronese 2016

LungaNotte2016_fuochiartificio_20160724_EGS2016_21727_s

sabato 23 e domenica 24 luglio 2016
La Lunga Notte aronese 2016 promossa dalla Pro Loco Arona quest’anno si è svolta in due giorni. Sabato due eventi hanno intrattenuto nelle due piazze quella di San Graziano e piazza del Popolo pubblico differente. In piazza San Graziano si è volto “Corto Maggiore” la 5° edizione della rassegna di cortometraggi internazionali, una novità per Arona, iniziativa nata ad Angera e alla sua prima edizione ad Arona. La serata è stata presentata da Paolo Simonotti e dopo la prima proiezione di There’s a light that never goes out di Fabio Morelli, Vincitore del Premio Gavioli come Miglior Film 2015 realizzato in collaborazione con liceo G. Galilei di Legnano, cortometraggio legato al progetto Rotary “Diversamente Lago” Marco Frattini in e Michele Clemente hanno illustrato le finalità che prevede la mappatura delle sponde del Lago Maggiore per la realizzazione di un’app informativa sugli attracchi predisposti per il trasbordo dei diversamente abili dalla terra ferma alle imbarcazioni. Il progetto si completerà nel 2017 e prevede inoltre di fornire quanto necessario per eliminare tutte le barriere architettoniche fornendo alcuni elevatori per dare completo accesso agli approdi. La serata è proseguita con la proiezione dei corti Tra le dita – Cristina Ki Casini, La fonte – Mattia Venturi, Pircantaturi – A. Buscaldi, A. Conigliaro, L. Fresta; C.J. – Andrea Cerovac, Fantasia – Pablo Maestres, Vanillacola – Andrea Daddi, Flowers di Matteo Jamundo e il corto “Tartare” sempre di Matteo Jamundo girato ad Angera, Red Ribbon – Andrea Marcovicchio, Windborne – Matteo Andreolli, Dystopia – Bak Sunyong, per terminare con Tacco 12 di Valerio Vestoso. Sul palco tra la proiezione dei corti si è alternato il gruppo “Calliope” e a metà serata anche la voce di Arianna Mancini accompagnata alla chitarra e al piano. L’evento è stato apprezzato dai presenti anche se dopo la prima ora di proiezioni la gente è venuta sempre meno terminando la serata intorno a mezzanotte. Sul corso e lungolago intrattenimento con la Traveling Show Band itinerante tra i negozi e in Piazza del Popolo Lightshow & Music Blunotte, su una sorte di torre circondata da un imponente impianto audio e luci collocata difronte alla chiesa di Santa Marta dj Panino ha intrattenuto il popolo dei tanti giovani con musica e luci proiettate sui palazzi di fronte, una sorte di discoteca a cielo aperto fino alle 2.00 di notte. L’evento di piazza del Popolo è stato replicato anche domenica fino alle 00.30 con dj Jeppo. Non sono mancate per il sabato le polemiche sui social, la gente memore dell’evento del 2015 si è vista una città più vuota di iniziative non trovando davanti ai propri locali abituali il proprio intrattenimento nello ZTL dalla rampa di via Poli fino all’Hotel Giardino. Alla domenica lo ZTL si è esteso fino alla rotonda di corso Repubblica con le bancarelle. L’ingresso alla città è stato interdetto su richiesta della prefettura, dopo l’attentato di Nizza, con l’installazione sulla passeggiata di lungolago Nassiriya, rotonda di corso Repubblica e via Poli di new jersey in cemento armato con funzione di anti-terrorismo, che ha visto anche la presenza di numerose forze dell’ordine in divisa e in borghese. A vigilare sulla viabilità l’AIB, il Cisom, i carabinieri in congedo e i vigili urbani di Arona, mentre in acqua il supporto degli Opsa della Cri Arona con la tenda medica in Largo Alpini e altri volontari dislocati alla torre Littoria e in movimento su tutta l’area. Nel pomeriggio di domenica intorno alle 15.00 in piazza del Popolo si è svolta nella caratteristica cornice del lago Maggiore la partita di pallanuoto 3° Trofeo dei Bar. Il trofeo quest’anno è stato aggiudicato dalla squadra del bar Strobino, che aveva vinto anche nella prima edizione, sono arrivati secondi Cafè della Sera seguiti da Pecora Nera e Marconi Beach. Ad arbitrare le partite Baldi Luciano arbitro ufficiale e mister degli Amici della Pallanuoto Arona, tra i giocatori anche l’onorevole del Movimento 5 Stelle Davide Crippa. La giornata è poi proseguita con la passeggiata tra le bancarelle e dalle 20.00 anche con l’esibizione di ballo delle scuole Quick and Slow Dance e Latin Charm fino ad attendere le 23.00 dove da 6 zattere posizionate a centro lago si è svolto lo spettacolo piromusicale. Lo spettacolo è stato realizzato dalla ditta Parente Fireworks inserito nel calendario del Festival di Fuochi d’Artificio 2016, sono stati 18 minuti di spettacolo a ritmo di musica sulle colonne sonore di Proud Mary di Tina Turner, The Sound of Silence di Paul Simon interpretata dai particolari Disturbed, il capolavoro di David Bowie Starman, una ritmata Dark Necessities dei Red Hot Chili Peppers, la nuovissima Love Me Forever di Elisa, Nel Blu Dipinto di Blu e in chiusura Dream Chasers realizzata da Armen Hambar. Uno spettacolo apprezzato dai tanti presenti e da quanti con le famiglie hanno preso posto nell’area riservata nella passeggiata bassa del lungolago quest’anno completamente transennata come per le Frecce Tricolori con divieto d’ormeggio. Se i colori dei fuochi d’artificio hanno entusiasmato, criticata la filodiffusione che non ha performato come ci si aspettava, ed è accaduto come per le Frecce Tricolori, nella passeggiata bassa è stato solo uno spettacolo pirotecnico perché non si sentiva nulla e anche chi era sopra ha lamentato volumi bassi ed inoltre periodi di silenzio. Nella passeggiata bassa inoltre è stata la luce delle torce dei volontari della Cri ad illuminare il camminamento perché le lampade presenti sono o vandalizzate oppure bruciate, una mancanza di manutenzione dell’esistente, dopo i tanti lavori di nuova impiantistica realizzati sul lungolago. Come richiesto da Legambiente Pro Loco Arona effettuerà una compensazione ambientale, causata dalle emissioni di CO2 e polveri sottili delle auto e dei fuochi, con un intervento di riqualificazione “verde” al Parco dei Lagoni.