La siccità del lago Maggiore

siccita_lagomaggiore_20160207_EGS2016_02085_s

sabato 6 febbraio 2016
La siccità del lago Maggiore
Il lago Maggiore a causa di assenza di precipitazioni ha raggiunto livelli bassi da record. I dati forniti dalla stazione di rilevamento del CNR di Pallanza hanno registrato una diminuzione delle acque da novembre, ma poi da metà gennaio la discesa è rallentata e si è stabilizzata sui 192,84 metri sul livello del mare, registrando sabato 7 febbraio prima dell’inizio delle pioggie di domenica il record di 192,82 metri. A metà settembre le acque del lago Maggiore misuravano 194,48 m slm, ma la mancanza di pioggie che si è perdurata per più di due mesi consecutivi ed anche le temperature sopra le medie stagionali hanno contribuito alla discesa delle acque. Dal mese di novembre il livello delle acque è sceso sotto la media degli anni 1952-2004, un livello inferiore si è registrato soltanto nel gennaio 1965 e ARONAnelWEB.it ricorda la secca del 2006 con il record di 192,61 metri sul livello del mare. Non manca però il ricordo della precedente esondazione dove domenica 16 novembre 2014 il livello idrometrico aveva raggiunto il livello massimo di 196,86 metri. Ad Arona il basso livello del lago ha evidenziato la presenza di scarichi nelle acque. In corso Marconi all’altezza del pergolato del glicine si è potuto notare che una tubatura fognaria scaricava le acque nel lago Maggiore. Il livello di secca ha fatto emergere anche altre tubature che vanno a lago nella zona di corso Europa, dove è possibile vedere anche situazioni di degrado specialmente alla darsena che poteva essere occasione per una pulizia straordinaria da parte degli enti oppure dei volontari.

Lascia un commento

commenti