Archivio Tag: romagnano sesia

Io leggo perchè: gli studenti del Curioni di Romagnano alla Feltrinelli point di Arona

Evento_IoLeggoPerche_ComprensivoRomagnanoSesia_FeltrinelliPointArona_20191026_EGS2019_38506_s

sabato 26 Ottobre 2019 – dalle ore 15.30, Libreria Feltrinelli Point Arona, Corso della Repubblica 106
Nell’ambito della manifestazione “Io leggo perchè” sabato 26 ottobre presso la libreria La Feltrinelli point di Arona, i docenti e gli allievi dell’Istituto Comprensivo “Curioni” di Romagano Sesia hanno coinvolto il pubblico con due momenti di intrattenimento (altro…)

Il Venerdì Santo di Romagnano Sesia – 260^ edizione

IlVenerdiSanto_RomagnanoSesia_20190419_EGS2019_12003_s

venerdì 19 aprile 2019 – ore 15.00, Romagnano Sesia (NO) 
Il Venerdì Santo di Romagnano Sesia come tradizione dal 1729, ha trasformato il borgo in una piccola Gerusalemme, rappresentando il grande dramma del Calvario lungo le strade e sulle piazze. Le Sacre Rappresentazioni del Venerdi Santo di Romagnano, si caratterizzano per una singolare tradizione popolare di grande fascino (altro…)

Don Antonio Oldani fa il suo ingresso a Romagnano Sesia

Entrata_DonAntonioOldani_NuovoCoadiutoreRomagnanoSesia_20170514_EGS2017_13647_s

domenica 14 maggio 2017 – ore 10.30, Romagnano Sesia – Chiesa parrocchiale di San Silvano
La comunità di Romagnano Sesia ha accolto don Antonio Oldani nella Santa Messa delle 10.30, con il parroco don Gianni Remogna, mons. Federico Ponti e il diacono aronese don Fabio Zanetti Chini. La chiesa era gremita di fedeli con la presenza delle confraternite e da tanti aronesi che (altro…)

Il Venerdì Santo di Romagnano Sesia – 259^ edizione

IlVenerdiSanto_RomagnanoSesia_20170416_EGS2017_09280_s

domenica 16 aprile 2017 – ore 20.30, Romagnano Sesia (NO)
Il Venerdì Santo di Romagnano Sesia anche quest’anno per la 259^ edizione ha trasformato il borgo in una piccola Gerusalemme come dal 1729, rappresentando il grande dramma del Calvario lungo le strade e sulle piazze. Le Sacre Rappresentazioni del Venerdi Santo di Romagnano, ritenute un pregevole fenomeno di costume del patrimonio culturale del Novarese (altro…)