La Goletta dei Laghi sul Maggiore piemontese: tre punti su cinque giudicati “fortemente inquinati”

GolettadeiLaghi_20150709_s

giovedì 11 luglio 2019 – Comunicato stampa Legambiente 
Tre punti su cinque risultati “fortemente inquinati” sullla sponda piemontese del Lago Maggiore, entrambi i punti campionati, al contrario, entro i limiti di legge sul Lago d’Orta. È questo, in estrema sintesi, il bilancio del monitoraggio microbiologico realizzato dai tecnici della Goletta dei Laghi nei giorni scorsi, in occasione dell’arrivo sul Lago Maggiore e Lago d’Orta della campagna di Legambiente, realizzata in collaborazione con il CONOU (Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati) e Novamont.

Da 14 anni la Goletta dei Laghi rileva le principali fonti di criticità per gli ecosistemi lacustri: gli scarichi non depurati e inquinanti, la cementificazione delle coste, la captazione delle acque, l’incuria e l’emergenza rifiuti, in particolare l’invasione della plastica, che non riguarda soltanto mari e oceani, ma anche fiumi e laghi.

Il lavoro dei tecnici si è concentrato principalmente su due fronti di indagine: quello delle microplastiche in acqua e quello dell’inquinamento microbiologico.

I DETTAGLI DELLE ANALISI MICROBIOLOGICHE SUL MAGGIORE E ORTA
Quello di Legambiente è un campionamento puntuale che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali, né pretende di assegnare patenti di balneabilità, ma restituisce comunque un’istantanea utile per individuare i problemi e ragionare sulle soluzioni.

La qualità delle acque del Lago Maggiore e del Lago d’Orta è un elemento imprescindibile per lo sviluppo del territorio, soprattutto per quanto riguarda la vocazione turistica. Nelle analisi della Goletta dei Laghi vengono prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che si trovano lungo le rive dei laghi, punti spesso segnalati dai cittadini attraverso il servizio SOS Goletta. Queste situazioni sono i veicoli principali di contaminazione batterica di origine fecale, dovuta all’insufficiente depurazione, che attraverso scarichi e corsi d’acqua arriva nel lago.

In questi giorni sono stati cinque i punti campionati sulla sponda piemontese del Lago Maggiore. In provincia di Novara, sono risultati “fortemente inquinati” due punti nel Comune di Arona (la foce del torrente Vevera e lo sfioratore del rio San Luigi), e un punto a Dormelletto, sulla foce del rio Arlasca.
Entro i limiti di legge, al contrario, il punto campionato in corrispondenza dello sfioratore Largo Marconi a Stresa, nella provincia Verbano-Cusio-Ossola, e a Lesa, in provincia di Novara, sulla foce del torrente Erno.

golettadeilaghi_risultatipiemonte_cs_20190711

La Goletta dei Laghi sul Maggiore lombardo: quattro punti su cinque risultano “fortemente inquinati”
I punti campionati sulla sponda lombarda del Lago Maggiore, tutti in provincia di Varese sono risultati “fortemente inquinati”, secondo i parametri di Goletta dei Laghi, i punti a Luino Centro, a Laveno Mombello, presso la foce del torrente Boesio, a Ispra, in corrispondenza della foce del torrente Acqua Negra e sulla foce del Bardello, nel territorio comunale di Brebbia. Entro i limiti, invece, il punto nel comune di Germignaga, sul canale presso la spiaggia del Lido Comunale.

golettadeilaghi_risultatilombardia_cs_20190711

 

Per quanto riguarda il Lago d’Orta, invece, entrambi i punti monitorati dalla squadra di Legambiente sono risultati entro i limiti: sul lungolago Beltrami a San Maurizio d’Opaglio (Novara) e sulla foce del rio Carboniglio a Orio di Nonio (Verbano-Cusio-Ossola).

“Le analisi microbiologiche ci confermano una situazione ottimale sul Cusio, a Stresa e a Lesa, mentre nel basso Verbano permangono tre punti con forte inquinamento nell’area di Arona e Dormelletto – afferma Roberto Signorelli, vice presidente del circolo di Legambiente “Gli amici del lago” – gravi criticità che continuIamo a rilevare dal 2013, non solo attraverso il laboratorio mobile di Goletta dei Laghi, ma anche con altre verifiche periodiche che effettuiamo appoggiandoci a un laboratorio locale”.
“Malgrado importanti investimenti da parte di Acqua Novara VCO e delle amministrazioni comunali, purtroppo dobbiamo constatare che gli obiettivi di rientro nei parametri richiesti per la balneabilità non sono stati raggiunti. Sottolineiamo che per località lacustri a forte vocazione turistica, la qualità delle acque è un requisito minimo indispensabile della loro offerta e questa situazione negativa vanifica in termini di immagine gli sforzi e le attività di promozione del territorio”, conclude Signorelli.

Per quanto riguarda il beach litter (rifiuti in spiaggia), in occasione dell’arrivo della Goletta dei Laghi, i volontari di circolo “Amici del Lago” hanno effettuato nei giorni scorsi una raccolta di rifiuti nelle due aree fronte lago, adiacenti alla spiaggia libera delle Rocchette di Arona. In totale sono stati recuperati circa 300 pezzi, di cui 124 pezzi o frammenti di plastica e di polistirolo, seguiti da 26 bottiglie di plastica da 50 cl e da 8 bottiglie da 1,5 lt., 16 tappi, 8 cannucce e un contenitore di olio motore.
Per il quarto anno consecutivo, grazie alla collaborazione con ENEA, è stata monitorata anche la presenza di microplastiche nelle acque dei laghi, focalizzando l’attenzione sull’apporto degli impianti di trattamento delle acque reflue rispetto alla quantità di microplastiche presenti. Nel 2018 il Lago Maggiore ha riportato una densità media di oltre 100 mila particelle di microplastiche per chilometro quadrato, il Lago d’Orta quasi 63 mila per km2.
Diverse le novità della Goletta dei Laghi quest’anno, tra cui l’analisi della presenza di microplastiche fino a 50 metri di profondità, e la ricerca di comunità microbiche sulle microplastiche rinvenute – la cosiddetta plastisfera, potenziale veicolo di elementi patogeni dannosi per l’ecosistema e per l’uomo – grazie alla collaborazione con l’Istituto di ricerca sulle acque del Consiglio nazionale delle ricerche (Irsa-Cnr).

Per l’edizione 2019 partner della Goletta dei Laghi sono il CONOU (Consorzio Nazionale per la Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati) e l’azienda chimica Novamont.

Da oltre 35 anni il CONOU è il punto di riferimento italiano per la raccolta e l’avvio a riciclo degli oli lubrificanti usati su tutto il territorio nazionale. L’olio usato – che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli – è un rifiuto pericoloso per la salute e per l’ambiente che, se smaltito indiscriminatamente, può determinare gravi effetti inquinanti. Negli anni di attività il CONOU ha raccolto 6 milioni di tonnellate di olio usato, avviandone a rigenerazione 5,3 milioni e consentendo la produzione di 3 milioni di tonnellate di olio rigenerato e un risparmio sulle importazioni di petrolio di circa 3 miliardi di euro, ponendo così l’Italia in vetta al settore a livello europeo.
Novamont è un’azienda che porta avanti l’ambizioso progetto di integrare chimica, ambiente e agricoltura. Prodotto di punta di Novamont è il Mater-Bi, la versatile e innovativa bioplastica con cui si realizzano soluzioni biodegradabili e compostabili che si incontrano nella vita di tutti i giorni.
Dopo la tappa che ha attraversato i laghi Maggiore, d’Orta e Ceresio, la Goletta dei Laghi si dirigerà verso il Lago di Garda, quarta tappa del tour 2019.

 

BEACH LITTER
Raccolta e censimento rifiuti spiaggia libera delle Rocchette Arona – Lago Maggiore di martedi 9 luglio 2019
In occasione della tappa sul Verbano di Goletta dei Laghi, i volontari di Legambiente hanno anche effettuato una raccolta di rifiuti nelle due aree fronte lago, adiacenti alla spiaggia libera delle Rocchette (dopo i due scogli) di Arona, una spiaggia classificata Bandiera blu 2019 dal FEE.
Il materiale raccolto è stato classificato secondo il protocollo internazionale Beach Litter, utilizzato da Legambiente per tutte le spiagge dei littorali marini e lacustri. A causa del livello elevato del lago in questo periodo la dimensione dalle due spiagge è piuttosto limitata rispetto alle condizioni abituali, tuttavia sono stati raccolti 3 sacchi di rifiuti spiaggiati.
In totale sono stati recuperati circa 300 pezzi e la classificazione in macrocategorie rispecchia la media nazionale dei rifiuti raccolti sulle spiagge italiane e coerenti con altri rilievi che periodicamente vengono effettuati dai volontari dell’associazione ambientalista, sempre nella stessa spiaggia.
Quest’area è particolarmente significativa, poiché è un punto di accumulo di rifiuti portati dai venti e dalle correnti da nord.
Tra le top ten dei rifiuti sono stati registrati 124 pezzi e frammenti di plastica e di polistirolo, confermandosi anche nel territorio lacustre la prima categoria di rifiuti più presenti sulle spiagge italiane.  Seguita da 26 bottiglie di plastica da 50 cl e da 8 bottiglie da 1,5 lt., 16 tappi, 8 cannucce e un contenitore di olio motore.  Seguono lattine, bottiglie di vetro, contenitori di succhi di frutta etc. Particolare curioso un contenitore di palline da tennis in materiale misto metallo/plastica.
I volontari del circolo locale segnalano anche che sulla riva è ancora presente una barca in vetroresina fortemente danneggiata arrivata con la piena dello scorso novembre, che dovrebbe essere rimossa e smaltita.

TOP TEN RIFIUTI SPIAGGIATI (Rocchette)
frammenti plastica/polistirolo – 124
bottiglie plastica 50 cl. – 26
tappi plastica – 16
cannucce – 8
bottiglie plastica 150 cl. – 8

Arona, 12 luglio 2019
Circolo Legambiente Gli Amici del Lago – APS

Lascia un commento

commenti