Punta Vevera, siamo punto e a capo

PuntaVevera_EGS2017_20350_s

domenica 2 luglio 2017
Arrivato il caldo, il lago viene preso d’assalto e risulta per molti anche punto di refrigerio. Dopo i fatti accaduti l’anno scorso con due annegati in “Punta Vevera” oggi è come se nulla fosse accaduto. La situazione quindi si ripete, già negli anni passati c’erano state altre vittime sempre nello stesso punto, l’anno scorso due nell’arco di breve tempo e poi un’ordinanza, sorveglianza con il gruppo OPSA (Operatore Polivalente Salvataggio in Acqua) della Cri Arona, AIB Montrigiasco, Polizia Locale e divieto addirittura di avvicinarsi alla spiaggia con tanto di area transennata come se fosse la scena di un crimine. Era la fine della stagione calda del 2016, oggi più nessuno si ricorda, le immagini però raccontano e anche quest’anno molte persone adulti, bambini e famiglie scelgono quell’area per passare momenti di riposo e serenità incuranti del divieto, ma in particolare della pericolosità senza nessun controllo e sorveglianza.
Ci si domanda perché ad un anno di distanza non si è ancora investito in una cartellonistica adeguata o con delimitazioni che facciano comprendere che è presente un pericolo, nel frattempo però quest’anno è stata emessa una nuova ordinanza (n. 35 del 23/06/2017) nei confronti del “The Beach Side S.r.l.” – Lido di Arona, che vieta la balneazione per motivi di sicurezza nella “spiaggia 1”, la prima che si incontra all’ingresso attrezza con sabbia e ombrelloni, nonostante l’area è sorvegliata da un bagnino.

Di seguito le immagini di repertorio e quelle scattate negli ultimi weekend

Lascia un commento

commenti