Presentato Ël Tacuin d’Invuzzora 2022

sabato 20 Novembre 2021 – ore 21.00, Invorio Superiore – Chiesa Parrocchiale di San Giacomo 
Sabato 20 novembre 2021 nella chiesa parrocchiale di Invorio Superiore è stata presentata la diciottesima edizione del “Tacuin d’Invuzzora 2022”, quest’anno dedicato agli sposi.
La serata ha preso avvio con la proiezione di una sfilata di immagini storiche dal titolo “Tutti siamo stati bambini”, seguita da una serie su “Signorine e giovanotti” per poi arrivare al tema del matrimonio, cui è stata dedicata l’edizione 2022 del calendario invoriese.
La lettura dei testi che corredano le fotografie dei dodici mesi è stata accompagnata da un commento sonoro eseguito all’organo dal maestro Alessandro De Bei, docente di pianoforte alla Scuola Media Ranzoni di Verbania e collaboratore della rivista Amadeus, che per l’occasione ha proposto una selezione dei più celebri brani classici per cerimonie, dall’Ave Maria di Schubert fino alla nota marcia nuziale di Mendelssohn.
All’incontro sono intervenuti il sindaco di Invorio Flavio Pelizzoni con l’assessore al Sociale e alle Politiche giovanili Anna Barbaglia, Marcella Bassetti, presidente della Biblioteca comunale, il parroco don Marco Annovazzi e Dario Piola, presidente della Fondazione Medana.
Le fotografie presenti nel calendario sono tratte dalle mostre fotografiche “Invorio Superiore … ieri” (8-12 settembre 2004), “Invuzzora in bianco e nero” (13-21 ottobre 2007) e dalla raccolta personale di Marino Zaninetta; i testi sono di Marilena Bertottilli. Hanno collaborato alla realizzazione del Tacuin 2022 Marilena Bertottilli, Marco Civati, Rossella Frattini, Armando Lorenzini e Marino Zaninetta.
Al termine della serata, il comitato ha illustrato un progetto da realizzare nel corso del prossimo anno allo scopo di valorizzare l’identità del paese, dal titolo “Salviamo la memoria, un passato da non dimenticare”. L’idea, che si ispira a una mostra organizzata nel 2019 nel piccolo comune montano di Massiola, in Val Strona, è quello di raccogliere presso le famiglie vecchie foto storiche delle persone, delle case e dei cortili di Invorio Superiore e di appenderle, riprodotte a grande formato, nel medesimo punto in cui sono state scattate. La proposta è stata accolta con entusiasmo dal sindaco, che ha dichiarato di voler appoggiare la creazione di questo museo diffuso temporaneo.