Minoranza: Consiglio Comunale deludente

giovedì 3 giugno 2021 – Comunicato stampa delle opposizioni 
Ancora una volta Consiglio Comunale deludente, ma niente compare sui giornali locali tutti schierati con l’Amministrazione.
Ancora una volta la minoranza è ignorata nelle richieste di chiarimenti e nelle interrogazioni completamente inutili e senza vere risposte. Qualsiasi nostro intervento, che richiederebbe una risposta precisa su vari argomenti, viene “deviato”! Anche le interrogazioni, che devono essere presentate ben 20gg prima del Consiglio, non hanno valore e sono fuori tempo.
Niente ci viene comunicato con chiarezza per esempio per il lido si dice che sarà riaperto, ma non chi ha vinto l’assegnazione ne quando avverrà l’apertura, così 2 giorni dopo appaiono sui giornali le solite immagini dell’Amministrazione schierata che plaude ai nuovi gestori annunciando un contributo del Comune per la nuova attività.
Si è parlato di marciapiedi da rifare e si è stati accusati dal vicesindaco di “cose” successe 10 anni fa, quando nessuno di noi era presente in Comune, si dà più importanza a rifare marciapiedi poco frequentati e ci si dimentica di una via molto frequentata ogni giorno, come corso Liberazione, vicino al Comune dove la gente spesso cade, l’anno scorso il Sindaco aveva assicurato che sarebbe stato rifatto, ma si parla e le promesse non sono mantenute.
Parliamo della rotonda nuova ai Tre Ponti? molte sono le lamentele non per la rotonda stessa, ma per come è stata realizzata perché i mezzi pesanti fanno fatica ad entrare in via Milano che, con l’apertura del nuovo supermercato, altra scelta non condivisibile, porterà un aumento delle auto in quella via e più traffico anche in viale Baracca che verrà preferito per entrare in città.
Comunque tutto ciò che l’opposizione presenta viene respinto o bocciato perché fuori tempo come l’interrogazione sulle “stanze del sorriso” alla Casa di Riposo per rendere più serena la vita degli anziani, che per mesi sono stati soli senza poter incontrare i parenti. Con quanta soddisfazione l’Assessore ha dichiarato che veniva bocciata e non era più di attualità.
Per non parlare di interrogazioni passate, come la richiesta del doppio senso in via Cantoni per decongestionare il traffico e trovare una via d’uscita più agevole verso nord, la realizzazione delle rotonde in cima a via Roma e a viale Berrini, presentate più volte dalla minoranza, respinte e sottovalutate che poi però la maggioranza ha fatto proprie senza riconoscere ovviamente il nostro suggerimento.
Non è stata l’unica volta, succede anche oggi con il marciapiede a sbalzo sul lago sotto la Rocca, quasi deriso quando si presentò l’idea di creare una pista ciclabile a sbalzo sul lago proprio in quel punto per poter raggiungere il citbar che doveva diventare la nuova spiaggia. Si fece un bando che, come altri, non ebbe fortuna. Ogni anno si cerca una nuova spiaggia da inaugurare anche se le acque sono pulite in un punto soltanto e da anni, alle Rocchette.
Ora si parla di “spiaggia del sorriso” ma gli Aronesi non sanno quale sia, forse si riferiscono al famoso “pratone” o alla spiaggetta vicina dove c’è poco da sorridere con le acque poco pulite, ma soprattutto pericolose in quella zona dove quasi ogni estate annega qualcuno, a causa anche di mulinelli che si creano in acqua subito profonda e non sappiamo se un bagnino possa essere sufficiente.
Non parliamo del cimitero di Arona che a parte l’ingresso, che è stato ristrutturato da una ditta che ha lavorato a lungo facendo e rifacendo il soffitto del porticato portando più danni che benefici e rovinando le statue dei nostri antenati illustri. Mancano le tombe e vengono riesumate le salme per mancanza di spazio poi si permette la costruzione di un mausoleo per favorire qualcuno, queste cose gli Aronesi le vedono!
Parliamo delle associazioni? sono troppe e non sono solo aronesi, si danno contributi anche ad associazioni fuori comune, non si riconoscono quelle nate più di 30 anni fa e se ne creano altre in competizione invece che in collaborazione. Sembra che si voglia mettere gli uni contro gli altri mentre si dovrebbe riconoscere il valore di tutti e saper collaborare con tutte.
Parliamo di interesse per l’ambiente? Abbiamo fatto una proposta, naturalmente respinta, di piantare alcuni alberi in piazzale Moro, che è una spianata di cemento, avrebbero potuto essere utili per delimitare i parcheggi, per migliorare la qualità dell’aria e rendere più piacevole la zona.
E che dire delle nuove abitazioni ad Arona? Palazzoni nella zona del cimitero in via Vittorio Veneto e San Luigi, così vicini alla strada, perché non ristrutturare e preoccuparsi degli immobili abbandonati dai proprietari e che cadono a pezzi? Oggetto questo di una delle nostre prime interrogazioni appena insediata la nuova Amministrazione, “Si, faremo, contatteremo”, questa la risposta, ma niente è stato fatto e comunicato, rimane l’obbrobrio di alcuni stabili in centro.
Il gruppo di opposizione:
Arona Domani e la lista Brianti Sindaco