PD Arona: Valle Vevera

PdArona_logo

mercoledì 26 settembre 2018 – Comunicato stampa Circolo PD Arona
Come ricordato innumerevoli volte al Sindaco On. Gusmeroli e alla sua maggioranza, la Valle Vevera è una delle zone più belle e fragili appartenenti al territorio aronese ma è evidente che l’attuale amministrazione tratti questo problema ambientale, presente in tale zona, con superficialità ed arroganza.
E’ sotto gli occhi di tutti come le azioni dell’amministrazione attualmente al governo aronese da molti anni siano volte al solo abbellimento estetico della zona centrale della città (sulle quali abbiamo, comunque, delle riserve), segnaliamo infatti che anche altre zone, a nostro avviso, meriterebbero pari rispetto e attenzione nella pianificazione dell’attività amministrativa sul nostro territorio.
E’ chiaro che ci sia uno svolgimento blando dell’attività di presidio del territorio e una insufficiente repressione dei crimini a danno dell’ambiente.
Riteniamo che un’amministrazione seria, si dovrebbe quantomeno vergognare del fatto che varie aree del territorio comunale siano terra di nessuno, lasciando così dare libero sfogo a comportamenti incivili come quelli visibili in Valle Vevera.
Visto che tale area non è considerata “zona esclusiva” come il centro città, ci teniamo a rammentare che Valle Vevera è un biotipo unico nel suo genere, che andrebbe valorizzato e tutelato.
Infatti il PD ha più volte proposto l’istituzione di un vero Parco Fluviale della Valle Vevera, che dia prestigio e onore ad una storica e amata camminata degli Aronesi ma gli appelli sono sempre andati a cadere nel nulla, dato che constatiamo ancora questo stato di abbandono e degrado.
Più volte come Circolo PD, abbiamo chiesto che tutta l’area venisse presidiata e controllata, anche con l’installazione di telecamere di sorveglianza e foto-trappole (dal costo ridicolo), per inquadrare e filmare i trasgressori e poi punirli in base alle vigenti normative riguardanti l’inquinamento ambientale.
Abbiamo già subito la costruzione della centrale idro-elettrica che, con l’aumento dell’impatto ambientale, ha alterato pesantemente l’ecosistema del Torrente e della Valle, non solo sotto il profilo paesaggistico ma soprattutto naturale .
Difatti, stiamo ancora aspettando che vengano attuate le più volte citate “compensazioni” (mai avvenute), come il corposo ripopolamento del Torrente Vevera con Trote Fario (ad ora il torrente è praticamente morto e privo di animali acquatici), la regolazione dei livelli minimi di deflusso del torrente, la sistemazione del fondale ghiaioso (ora è fangoso) della briglia che porta l’acqua alla cascatella, il posizionamento di specie vegetali autoctone, ecc.
E’ ben chiaro, che ci troviamo di fronte ad una politica, che basa il suo credo sul: “Fare tanto per fare” e che produce effetti come questi che evidenziano una, sempre più marcata differenziazione, tra una città di serie A (zona centrale) ed una di serie B più decentrata/periferica, infatti anche tutte le aree limitrofe ed adiacenti la Valle risentono dell’abbandono più totale.
Riteniamo sia doveroso informare i cittadini affinchè vengano portati a conoscenza dell’attuale situazione e sviluppino una coscienza sempre più critica e responsabile sul lavoro svolto dell’attuale amministrazione, sfatando il mito social di un’Arona sempre più rappresentativa di un Bengodi apparente ma che nella realtà vive mille difficoltà e disagi, frutto del mancato ascolto di molti cittadini delusi e amareggiati che vivono e respirano Arona a 360 gradi.
Il Circolo PD di Arona-Dormelletto-Oleggio Castello

Lascia un commento

commenti