Vittorio Sgarbi in visita ad Arona

Incontro_VittorioSgarbi_LectioMagistralis_ArcodiPalmira_20170707_EGS2017_20950_s

venerdì 7 luglio 2017 – ore 21.00, Piazza San Graziano
Sotto la riproduzione in 3D dell’Arco di Palmira in piazza San Graziano, Arona ha ospitato venerdì 7 luglio Vittorio Sgarbi con una “Lectio magistralis” e la presentazione del suo libro “Dall’ombra alla luce – Da Caravaggio a Tiepolo – Il tesoro d’Italia IV”. Il professore è arrivato in città nel tardo pomeriggio per un tour privato, come ha illustrato durante l’incontro: «La visita è servita per colmare una lacuna, perchè ad Arona era già stato in altre occasioni, ma non aveva mai perfezionato la visita delle chiese». Sgarbi ha illustrato anche la passione per il pittore aronese Gianfilippo Usellini, per il quale ha ricordato la sua figura e dove ha potuto ammirare il suo palazzo. Delle opere ammirate nel suo tour si è soffermato sulle tele del Morazzone conservate nella Chiesa Collegiata di Santa Maria, che ha annunciato saranno oggetto di una mostra. Sgarbi è stato inoltre “folgorato” ad Arona dell’opera realizzata con la tecnologia 3D con la riproduzione dell’Arco di Palmira, un esempio che si può ricostruire monumenti dopo i terremoti con tempi celeri e non con l’attuale lentezza della ricostruzione delle zone terremotate d’Italia. L’evento promosso dall’Università delle Tre Età e dal Comune di Arona si è svolto in una piazza gremita allestita con 400 posti a sedere, non di più per le nuove norme di sicurezza imposte dopo i fatti di Torino e molte persone hanno dovuto assistere in piedi a distanza, oltre le transenne. Sgarbi all’inizio della serata appena giunto in piazza è andato a salutare i presenti e ha tenuto la sua “lectio magistralis” dal piccolo palco posizionato davanti alla riproduzione dell’Arco di Palmira dove sul retro erano proiettate le varie opere che ha illustrato nella seconda parte dell’incontro, con un percorso degli autori tra le varie regioni d’Italia. Al termine il professore si è soffermato per autografare il suo libro.

Ascolta l’audio dell’incontro

Lascia un commento

commenti