Presentato il progetto “Liberi di Imparare”

sabato 2 ottobre 2021 – ore 11.30, sede Pro Loco Arona – comunicato stampa 
Sabato 2 ottobre alle 11.30 l’amministrazione comunale di Arona e i referenti di Unpli Piemonte hanno incontrato i rappresentanti del Museo Egizio, in occasione della recente apertura della mostra “Liberi di Imparare”.
Frutto della collaborazione iniziata nel 2018 tra il Museo Egizio, la Direzione della Casa Circondariale “Lorusso e Cutugno” e l’Ufficio del Garante dei diritti delle persone private della libertà del Comune di Torino, la mostra “Liberi di Imparare” espone le copie di alcuni reperti dell’antico Egitto, riprodotte fedelmente dai detenuti delle sezioni scolastiche della Casa Circondariale dell’Istituto tecnico “Plana” e del Primo Liceo Artistico, tra cui la Cappella di Maia, gli affreschi della tomba di Iti e Neferu, i ritratti del Fayyum, l’ostrakon della ballerina.
L’incontro è stata l’occasione per ascoltare la genesi del progetto e della collaborazione tra Unpli Piemonte e Museo Egizio.
L’esposizione di Arona, che si chiude il 17 ottobre e rappresenta la prima tappa di un tour, ideato in collaborazione con Unpli Piemonte, comitato regionale dell’Unione nazionale pro loco d’Italia, con il patrocinio della Regione Piemonte, che porterà le opere dei detenuti in tutte le province piemontesi, grazie all’ospitalità delle Pro Loco.
“Le Pro Loco Piemontesi sono per loro natura portatrici di cultura, sentinelle del patrimonio immateriale, operatrici di promozione del turismo, curatrici del patrimonio storico e naturale dei propri borghi – ricorda Fabrizio Ricciardi, presidente Unpli Piemonte – la collaborazione con il Museo Egizio ci riempie di orgoglio, perché riconosce il nostro ruolo sul territorio e unisce la regione intorno a un bene culturale piemontese famoso nel mondo. Siamo orgogliosi e felici di questa collaborazione”.