Frazioni

Il Comune di Arona è costituito dalle comunità e dai territori delle località di Dagnente, Montrigiasco, Mercurago.
(art. 2 – Entità territoriale gonfalone e stemma comma 1 dello Statuto Comunale www.comune.arona.no.it)

Dagnente (376 m s.l.m.)

A due chilometri da San Carlo si raggiunge la frazione di Dagnente dove nel cimitero si erge il monumento a Felice Cavallotti (1842-1898). Milanese, avvocato, poeta e giornalista, partecipò alla spedizione dei mille e a quella del 1866. Amava dimorare nella sua casa di Dagnente tanto da considerarla la sua vera patria al punto da volerne essere sepolto alla sua morte. In suo onore fu elevato un sarcofago granitico (1899) alto circa 10 metri su 4 colonne opera di Troubetzkoj e Conconi. Le spoglie si trovano però a terra in un’altra parte del cimitero. Da sabato 12 settembre 2009 nel piccolo cimitero ha riposato anche la salma del popolare presentatore televisivo Mike Bongiorno prima di essere profanata e rubata nella notte del 25 gennaio 2011.
Adiacente al cimitero vi è la chiesta dedicata a San Giovanni Battista di cui si ha notizia del 1159. Presenta un bel sagrato e al suo interno la statua del patrono proveniente dal Monastero della Visitazione collocata nel 1814. Ai lati dell’altar maggiore affreschi di alcune scene della vita di San Giovanni Battista (Luigi Morgari). Di incantevole bellezza è il panorama che si ammira dalla parte posteriore della chiesa.
» 26.07.2008 – Cortilinarte a Dagnente …quando i cortili respirano arte
» 26.07.2009 – Cortilinarte – seconda edizione dei Cortili in Arte a Dagnente
» 24.06.2012 – Inaugurazione percorso letterario sulle orme di Felice Cavallotti

 

Montrigiasco (414 m s.l.m.)

Piccola frazione di Arona tra San Carlo e Dagnente. La parte più antica della città è Piazza Gnemmi con le sue immagini sacre dipinte sopra i portali e i suoi muri, con le sue cappellette sparse un po’ ovunque. Percorrendo via Baglioni si giunge all’oratorio di San Rocco con affreschi del cinquecento “Cristo crocifisso con vari santi” tra cui San Rocco. La chiesa parrocchiale di San Giusto di origine romanica più volte rimaneggiata presenta un portico originale del 1770.

 

Mercurago (225 m s.l.m.)

A pochi passi da Arona, Mercurago si contraddistingue per la sua chiesa dedicata a San Giorgio. La struttura è costituita da due parti la posteriore più antica del XV secolo, costituita dall’odierno presbiterio, dal campanile e dalla sacrestia, e l’anteriore, moderna, destinata ai fedeli. Quest’ultima ha pianta poligonale, ed è neorinascimentale (1884-85) realizzata su disegno dell’architetto sacerdote Ercole Marietti (1825-1906). Il campanile è di origine medioevale, fino alla cella campanaria costruita nel XVIII secolo.
A Mercurago è anche presente il Parco naturale dei Lagoni di Mercurago, area naturale protetta, sede di ritrovamenti archeologici e meta per passeggiate nel verde, istituita su iniziativa popolare nel 1980. Per maggiori informazioni si rimanda al sito ufficiale dell’ente parchi www.parcoticinolagomaggiore.it
» 18.07.2009 – Palio dei Rioni di Mercurago